Canone

  • Testo
  • Voci correlate
In linea generale, nell’ambito delle comunicazioni sociali attraverso media elettronici, il termine c. designa il corrispettivo dovuto per la fruizione di un servizio radiotelevisivo.
Nel sistema italiano, caratterizzato fino a tempi relativamente recenti dal monopolio pubblico radiotelevisivo e, successivamente, dalla priorità accordata per legge alla concessionaria del servizio pubblico di radiodiffusione (Rai), esso viene riferito specificamente, appunto, al servizio pubblico: e proprio per tale motivo, configurato in termini tributari, assume la forma di una imposta sulla detenzione di apparecchi per la ricezione delle trasmissioni televisive.
Con il superamento del monopolio pubblico e la generalizzazione delle tecnologie multimediali di trasmissione, in particolare attraverso il satellite, che hanno visto l’affermarsi di nuove modalità di presentazione e di offerta del prodotto radiotelevisivo, in particolare con le diverse forme di televisioni a pagamento (pay-Tv, near video on demand, video on demand), il termine viene utilizzato, in senso atecnico e svincolato da qualsiasi riferimento alla originaria connotazione tributaristica, per designare il corrispettivo dell’abbonamento televisivo.

G. V.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Votano Giulio , Canone, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (29/11/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
189