Cronaca

  • Testo
  • Bibliografia1
  • Voci correlate
Descrizione giornalistica di un avvenimento secondo la sequenza cronologica dei fatti. In questo senso, quasi tutta l’attività giornalistica va ricondotta alla c. Ne è escluso, ad esempio, il commento.
Nel suo significato tecnico, la c. è il servizio (o la redazione) che segue gli avvenimenti della città in cui ha sede il giornale. È costituita in una redazione autonoma, diretta da un caporedattore. I giornalisti che si occupano di c. (cronisti), seguono diversi generi di notizie:
– notizie annunciate, cioè eventi di cui si conosce in anticipo l’esistenza (ad esempio uno sciopero o una manifestazione sindacale);
– notizie imprevedibili, ovvero i fatti il cui accadimento è inatteso (ad esempio: rapine, incidenti, ecc.) e la cui conoscenza avviene attraverso la consultazione delle fonti tipiche della c.;
– notizie diffuse da uffici stampa o da strutture similari;
– notizie di agenzia;
– notizie di servizio (apertura e chiusura dei negozi, medici di guardia, farmacie di turno); – notizie ‘prodotte’ dal giornale (approfondimenti, inchieste, curiosità, spigolature).
Ciascuna delle notizie riconducibili ai suddetti generi occupa una branca della c. La distinzione fondamentale è quella tra c. bianca e c. nera. La c. nera racconta azioni cruente o potenzialmente tali, che spesso si concludono con spargimento di sangue (ad esempio omicidi, sequestri di persona, incidenti). Il cronista di nera ha come fonti più consuete la Questura, i Carabinieri, i Commissariati di Pubblica Sicurezza, ospedali e cliniche, obitori, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza, Guardia forestale, Polizia Stradale e Ferroviaria, ecc.
La c. bianca segue invece i fatti e i problemi della città, le sue vicende amministrative, l’attività economica, sociale e culturale, gli spettacoli e le iniziative per il tempo libero. Le fonti del cronista di bianca sono tutti gli enti e le amministrazioni locali, le Aziende Sanitarie Locali, i movimenti, le associazioni di categoria, ecc.
Oltre alle suddette categorie principali, la c. ha ulteriori ramificazioni. Particolarmente importanti sono la c. parlamentare, che racconta l’attività politica e fa capo al servizio interni; la c. giudiziaria (o gialla), che segue i processi e l’attività della magistratura in genere. Abbiamo poi la c. rosa (o mondana) che offre il resoconto di matrimoni, nascite, fidanzamenti, lauree, onorificenze, flirt, pettegolezzi e tradimenti di personalità famose, che fa capo al servizio società; la c. sportiva che parla degli avvenimenti dello sport ed è trattata dal servizio sportivo.
Il servizio c. dei giornali trattiene infine stretti rapporti con gli altri settori come la redazione cultura e spettacolo, il servizio provincie e le redazioni locali.

A. Preziosi

Bibliografia

  • MORRESI Enrico, L’onore della cronaca. Diritto dell’informazione e rispetto delle persone, Casagrande, Bellinzona 2008.

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Preziosi Antonio , Cronaca, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (07/03/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
361