Diritto e comunicazione

  • Testo
  • Links1
  • Voci correlate
Lo sviluppo dei mezzi e dei sistemi di comunicazione, la loro diffusione sociale e l’importanza che hanno assunto per la vita dei gruppi e degli individui rendono oggi più che mai inevitabile l’intervento dei poteri istituzionali nella disciplina di questa materia. Gli aspetti della comunicazione di cui si occupa il diritto sono numerosi: dal riconoscimento del diritto alla libera manifestazione del pensiero, alla disciplina relativa all’esercizio dei singoli mezzi (autorizzazioni, assegnazione delle frequenze, ecc.), alla tutela dei diritti individuali, fino alla regolamentazione di particolari attività di comunicazione.

Questa voce intende rendere conto di questo vasto e articolato campo problematico individuandovi tre grandi aree di approfondimento:
A. Gli aspetti istituzionali (diritto a comunicare, a informare, di cronaca, di critica, all’informazione);
B. La disciplina del diritto d’autore, che assume un rilievo del tutto particolare nella tutela dell’attività creativa attraverso i media;
C. L’intervento della Chiesa cattolica attraverso le norme del suo Codice di diritto canonico.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Diritto e comunicazione, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (24/05/2019).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
418