Eurovisione

  • Testo
  • Video1
  • Voci correlate
È il collegamento tra le reti televisive pubbliche europee che consente la trasmissione in diretta delle riprese di avvenimenti di attualità (sport, festival canori, giochi, cerimonie civili e religiose, ecc.) e lo scambio di servizi e programmi registrati. Viene gestito dall’UER (Unione Europea di Radiodiffusione). L’anno di nascita di questa organizzazione è il 1954: si calcola che allora i televisori di tutta Europa non raggiungessero il numero di 5 milioni. Vi aderì anche la Rai, che aveva appena avviato la programmazione regolare (3 gennaio 1954).
In realtà la prima trasmissione in e. (otto i Paesi collegati) era già stata realizzata per iniziativa dell’inglese BBC e della francese RTF il 2 giugno 1953, in occasione dell’incoronazione della regina Elisabetta d’Inghilterra.
Con il lancio del satellite Telstar (luglio 1962) il circuito televisivo è divenuto mondiale.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Eurovisione, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (27/09/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
497