Fonte

  • Testo
  • Voci correlate
Nella teoria dell’ informazione è la quantità di informazione disponibile, condizione ultima perché ci sia comunicazione; in altre parole è il dato o l’insieme di dati a partire dai quali è possibile inviare un segnale al ricevente. In un appartamento coperto da un sistema d’allarme, ad esempio, l’insieme dei punti sotto controllo (come l’apertura di una porta o di una finestra) costituisce la f. di informazione a partire dalla quale il sistema trasmetterà opportune segnalazioni (acustiche, telefoniche, ecc.) a destinatari che in questo modo comprendono che nell’appartamento sta succedendo qualcosa.
Quando dal semplice scambio di informazione tra apparati meccanici o elettronici si passa a considerare una situazione comunicativa più complessa, che prevede l’interazione di un soggetto con un testo o di più soggetti fra di loro, si tende a identificare la f. dell’informazione con l’emittente del messaggio.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Fonte, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (09/03/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
543