Mondovisione

  • Testo
  • Voci correlate
Parabole satellitari per la trasmissione in mondovisione.
Trasmissione dal vivo di programmi televisivi diffusi su scala mondiale per mezzo di satelliti geostazionari. La prima trasmissione televisiva in m. è datata 11 luglio 1962. Alle ore 0,48 (ora europea) le stazioni inglesi di Goonhilly Down e quella francese di Pleumeur Bodou ricevono le immagini provenienti dalla stazione americana di Andover: si tratta di una breve trasmissione, resa possibile dall’utilizzo del satellite Telstar, messo in orbita il giorno precedente dalla base americana di Cape Canaveral. Il 23 luglio giungono in Europa le prime immagini provenienti dagli Stati Uniti: la trasmissione viene rilanciata dalla Gran Bretagna al centro Tv dell’UER di Bruxelles e di qui inviata a 16 reti televisive collegate in Eurovisione. Contemporaneamente, il Telstar invia negli Stati Uniti un programma a cui hanno collaborato nove Paesi europei. Nel breve periodo in cui il Telstar rimane in funzione (luglio-novembre 1962) vengono realizzati 400 collegamenti transcontinentali e transoceanici sperimentali per comunicazioni radiotelevisive, telegrafiche, telefoniche e telefotografiche. Sono inoltre trasmessi 47 programmi televisivi, tra cui 5 a colori. Dal gennaio del 1963 le immagini in m. vengono trasmesse mediante satelliti relay: in Italia viene utilizzata la stazione di Telespazio, installata nella Conca del Fucino.

G. F.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Fortunato Giuseppe , Mondovisione, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (28/10/2020).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
826