Movimenti di macchina

  • Testo
  • Video1
  • Voci correlate
Variazioni successive e continue del campo di ripresa cinematografica o televisiva che si traducono in relative variazioni dell’inquadratura.
I principali m. d. m. sono tre: la panoramica, quando la cinepresa ruota sul proprio asse, da destra a sinistra o viceversa (panoramica orizzontale) o basculando dal basso verso l’alto e viceversa (panoramica verticale); la carrellata, quando la macchina da presa, avanza, arretra o si sposta lateralmente (ferrovia) nei confronti della situazione da riprendere, e infine l’ascensione, quando la cinepresa, grazie a un mezzo meccanico (il carrello, il dolly o la gru), si solleva o si abbassa. A essi vanno aggiunte ovviamente tutte le varie combinazioni fra i tre movimenti-base.
È attraverso i m.d.m. che è possibile strutturare e scandire un racconto cinematografico, sottolinearne emotivamente i vari momenti, costruire i piani-sequenza.
Un effetto di avvicinamento e allontanamento dall’oggetto della ripresa può essere ottenuto anche zoom.

L. C.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Castellani Leandro , Movimenti di macchina, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (06/12/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
840