Touch screen

  • Testo
  • Voci correlate
Esempio di touch screen
Letteralmente in inglese: ‘schermo a tatto’. È un tipo di schermo che consente all’utilizzatore di fornire informazioni al computer a proposito di una serie di scelte indicate sullo schermo stesso.
Per talune applicazioni, come nei computer messi a disposizione per consultazione presso uffici pubblici, stazioni, aeroporti, ecc., vengono utilizzati monitor che – a una prima impressione – sembrano sensibili al contatto (di qui il nome t.s.). Sullo schermo appaiono le diverse possibilità di consultazione a disposizione e l’utente tocca con un dito ciò che desidera. La superficie però non è sensibile al tocco, dal momento che è normalissimo vetro. In realtà dal bordo interno della cornice del monitor partono dei sottili raggi infrarossi che attraversano lo schermo dall’alto in basso, da un lato all’altro; piccole cellule collocate in modo simmetrico alle sorgenti dei raggi, ne rilevano la presenza e quindi anche la loro eventuale interruzione determinata dal dito poggiato sullo schermo. Viene così identificato un punto preciso e il computer riceve le informazioni relative alla scelta fatta dall’utilizzatore.

A. G.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Giannasca Antonio , Touch screen, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (29/11/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
1279