Reclame

  • Testo
  • Voci correlate
Divan Japonais, di Henri de Toulouse-Lautrec, Museum of Fine Arts, Boston.
Termine francese per pubblicità commerciale, un tempo adottato come tale anche in Italia. Ora sostituito in Francia con publicité, indica la comunicazione commerciale dell’epoca premoderna, realizzata su basi meramente intuitive da professionisti autodidatti, tra cui anche famosi disegnatori e pittori dei quali il più celebre è certamente Henry de Toulouse-Lautrec (1864-1901): i suoi manifesti hanno profondamente influenzato la cartellonistica e anche la pubblicità stampata in generale alla fine del secolo scorso e agli inizi del Novecento ( Manifesto). La parola r., di chiara derivazione latina, evoca essenzialmente la funzione informativa della pubblicità: dal verbo latino reclamare ha assunto il significato di ‘richiamo’, dapprima in ambito tipografico, come parola posta sotto l’ultima riga di un foglio e ripetuta in alto sul foglio successivo, poi come ‘richiamo degli uccelli’ e, verso la metà dell’Ottocento, come avviso commerciale (annuncio pubblicitario su un giornale). ( Pubblicità)

A. Z.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Zanacchi Adriano , Reclame, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (25/04/2019).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
1049