Computergrafica

  • Testo
  • Voci correlate
Si definisce c. la gestione in formato digitale di informazioni visive e la loro elaborazione da parte del computer. Questo processo può avvenire in due modi.
In primo luogo, è possibile fornire al computer immagini realizzate ‘all’esterno’. Questo può essere fatto, ad esempio, utilizzando lo scanner per acquisire fotografie o disegni, o usando una macchina fotografica digitale, in grado di trasmettere direttamente i propri dati al computer, senza alcuna conversione. Le immagini possono poi essere modificate dal computer attraverso l’uso di un programma grafico.
In alternativa, è possibile far generare le immagini direttamente al computer. In tal caso, il computer lavorerà, seguendo le indicazioni dell’utente e sfruttando una serie di conoscenze geometriche fornitegli dal programma usato, costruendo immagini complesse a partire da figure geometriche semplici: linee, curve, solidi tridimensionali. Questa tecnica può essere applicata a immagini sia bidimensionali, sia tridimensionali: in quest’ultimo caso, i programmi sono spesso in grado di simulare la rotazione e il movimento nello spazio degli oggetti grafici generati.
La strada della generazione delle immagini direttamente al computer è seguita da molti programmi per il design architettonico o industriale (si tratta dei cosiddetti programmi CAD - Computer Aided Design) e trova la propria punta più avanzata nei programmi in grado di generare ambienti di realtà virtuale, nei quali l’utente può muoversi attraverso il mouse e il monitor, o attraverso dispositivi particolari come tute e visori.
Le due possibilità che abbiamo delineato, comunque, non sono necessariamente esclusive: è possibile integrare elementi reali o grafici (acquisiti da foto o disegni), con elementi generati direttamente al computer. È in questo modo, ad esempio, che sono stati realizzati alcuni fra gli effetti speciali digitali più spettacolari dei film campioni d’incasso negli ultimi anni, da Jurassic Park a Titanic a Final fantasy, e allestiti veri e propri studi televisivi virtuali dove l’intera scenografia è generata esclusivamente dal computer che gestisce anche la perfetta integrazione di elementi reali (personaggi) ripresi dalla telecamera (Chromakey).
La potenza di calcolo necessaria per gestire al meglio immagini così complesse è notevole: se un po’ di c. casalinga è ormai possibile su qualunque personal, per applicazioni professionali sono necessarie macchine dedicate (le cosiddette workstation grafiche), dal costo spesso assai elevato. (Composizione grafica)

R. Mastroianni

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce
Come citare questa voce
Mastroianni Roberto , Computergrafica, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (04/12/2020).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
294