Monitor

  • Testo
  • Links1
  • Voci correlate
Strumento elettronico che consente di controllare direttamente su uno schermo l’andamento di un fenomeno, potendosi rilevare le informazioni elaborate o da elaborare. È di dimensioni ridotte quello incorporato nella telecamera (detto viewfinder, mirino) per controllare le riprese. È un m. anche il dispositivo su cui vengono visualizzate le immagini generate dalla scheda video del calcolatore.
Il m. differisce da un televisore per il fatto che richiede segnali video separati e non modulati, adatti a pilotare i cannoni elettronici e a sincronizzare l’inizio di quadro e di riga del tubo a raggi catodici (Component; Composito;RGB;S-video) mentre il segnale televisivo è un unico segnale che contiene, sommati e modulati in modo standard, tutti questi segnali, in modo più utile per la trasmissione nell’atmosfera. L’immagine del m. è, di conseguenza, più nitida, dettagliata e stabile.
Nell’ambito del trattamento del suono, per m. si intende anche l’altoparlante, in quanto consente di ‘monitorare’ direttamente i processi in atto.

G. F.

Bibliografia

Non c'è bibliografia per questa voce

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Fortunato Giuseppe , Monitor, in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (06/05/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
827