VHS (Video Home System)

  • Testo
  • Bibliografia1
  • Voci correlate
Autore: Franco Lever
Cassetta Vhs
Indica il sistema di registrazione amatoriale proposto dalla JVC (Japan Victory Company) nel 1976, pochi mesi dopo l’inizio della commercializzazione del Betamax, il videoregistratore amatoriale della Sony. Le prime macchine VHS arrivarono nei negozi solo due anni dopo, ottenendo però una fetta di mercato progressivamente sempre più grande, fino a dominarlo completamente. All’inizio il sistema VHS forniva una immagine qualitativamente meno valida; aveva invece una meccanica più semplice (il nastro si appoggiava al tamburo rotante delle testine con un percorso più breve di quello adottato dal Betamax) e la cassetta poteva durare due ore. Il successo commerciale favorì anche il miglioramento qualitativo del videoregistratore. Passi decisivi furono:
- l’introduzione della registrazione del suono ad alta fedeltà (nel 1987), pur mantenendo la registrazione lineare precedente, e
- la registrazione del segnale video nelle due componenti Y (Luminanza, modulata ad una maggior ampiezza di banda) e C (Crominanza) piuttosto che di un solo segnale video, quello composito.
Con queste innovazioni la JVC lanciava il S-VHS, offrendo così al mercato professionale e didattico un’alternativa all’ancora valido, ma sempre costoso, U-matic. Per il S-VHS l’industria produsse tutta una gamma di macchine per la ripresa (ad esempio, camcorder a vari livelli di prezzo e di qualità) e per la postproduzione (unità di montaggio per l’editing), il che ha facilitato l’utilizzazione del video nei vari ordini di scuole (soprattutto all’Università), nelle comunità locali, nei corsi di formazione.
Nel 1988, come tentativo di contenimento del Video 8 (della Sony, con camcorder assai piccoli e qualità video molto valida e suono eccellente) la JVC lanciava il VHS-C (C = compact) che utilizzava una mini-cassetta VHS, visionabile però anche sulle macchine standard, grazie a un apposito adattatore.
Alla fine degli anni Novanta, con l’introduzione del linguaggio digitale in tutti i settori video, il consorzio dei produttori VHS ne ha proposto – senza successo – la versione digitale, il D-VHS.

F. L.

Bibliografia

  • PETRI Marco, Dal VHS al DVD, Apogeo, Milano 2005.

Documenti

Non ci sono documenti per questa voce

Note

Come citare questa voce
Lever Franco , VHS (Video Home System), in Franco LEVER - Pier Cesare RIVOLTELLA - Adriano ZANACCHI (edd.), La comunicazione. Dizionario di scienze e tecniche, www.lacomunicazione.it (15/04/2021).
CC-BY-NC-SA Il testo è disponibile secondo la licenza CC-BY-NC-SA
Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo
1322